Convenienza Fotovoltaico Vale la Pena Investire?

Come già precedentemente annunciato dal Gse gli incentivi del quinto Conto Energia sono terminati. I 6,7 miliardi messi a disposizione dal decreto ministeriale di luglio 2012 si sono esauriti ad agosto 2013. Sono stati anni di boom e di grandi investimenti in questo comparto delle energie rinnovabili. Spuntavano moduli solari su tetti, campi agricoli, serre. Ora le cose sono un po’ cambiate e gli incentivi per il 2017 esistono solo quelli legati alle detrazioni.

Coloro quindi che intendono installare un impianto fotovoltaico devono pensare di farlo solo per auto consumare l’energia prodotta anche se si può ancora guadagnare con il fotovoltaico. Purtroppo è molto difficile farlo perchè un modulo fotovoltaico produce corrente elettrica durante il giorno, quando c’è il sole, e la notte invece è inservibile. Per questo bisogna fare bene i calcoli per capire la reale convenienza di un’installazione.


agevolazionifiscosolareFortunatamente a sostituire parzialmente gli incentivi ci sono le detrazioni fiscali
. Fino al 31 dicembre 2016 ammontano al 50% della spesa sostenuta per acquistare ed installare un impianto solare fotovoltaico, a partire dal primo gennaio 2014 passeranno al 36%. Sono le stesse utilizzabili per le ristrutturazioni edilizie, si tratta della proroga voluta con il cosiddetto Decreto LETTA, d.l.63 del 4-6-13.

Aggiornamento: il Governo ha varato la cosiddetta LEGGE DI STABILITA’ (legge 147 del 27 dicembre 2013 pubblicata nel supplemento ordinario n.87 della Gazzetta Ufficiale) che fa slittare la scadenza delle detrazioni fino al 31 dicembre 2017, quindi c’è tutto l’anno di tempo.

Ho bisogno di realizzare una ristrutturazione edilizia per godere delle agevolazioni fiscali sul fotovoltaico?


No, lo stabilisce chiaramente la risoluzione 22e dell’ Agenzia delle Entrate del 2 aprile 2013 che ha chiarito come si possa usufruire delle detrazioni anche in assenza di ristrutturazioni. L’impianto però deve essere utilizzato per la produzione di energia elettrica per uso privato e non quindi per essere rivenduta. Un impianto inoltre non dovrà superare una potenza di 20 kw.

Si potrà quindi detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 50% della spesa sostenuta . Ad esempio un impianto costato 10mila euro porta in dotazione 5mila euro di detrazioni, quindi 500 euro l’anno per 10 anni.

In aggiunta alle detrazioni fiscali possiamo usufruire anche del cosiddetto “scambio sul posto“. L’energia in surplus prodotta durante il giorno e non utilizzata per autoconsumo viene reimmessa in rete. Il gestore elettrico la rivenderà al nostro posto e ci “scalerà” il profitto ottenuto sulla corrente elettrica che acquistiamo durante la notte, quando il nostro impianto è improduttivo.

Integrazione architettonica

il problema di molti edifici è che si trovano nei centri storici oppure non hanno lo spazio per montare un impianto che comunque ha bisogno di 7 mq a kilowatt. In questo caso ci sono ottime soluzioni come le tegole fotovoltaiche che si vanno a sostituire ai coppi. Otteniamo anche degli incentivi, ancor di piú se andiamo a sostituire dei tetti in amianto con i pannelli solari.

Ci sono pure altri modi per sfruttare il sole e produrre energia, ad esempio usare le vetrate fotovoltaiche che si montano verticalmente sulle facciate degli edifici al posto delle normali finestre. In questo caso il rendimento è piú basso perchè si usano pannelli a film sottile.

Impianto con sistema di accumulo

per staccarsi completamente dal gestore, ad esempio Enel, Hera, Acea dobbiamo installare un sistema fotovoltaico ad accumulo. L’energia prodotta dai pannelli durante il giorno viene stoccata nelle batterie ed è disponibile anche la sera e la notte quando i pannelli non funzionano per mancanza di sole. Al momento i prezzi delle batterie sono alte, ma ad esempio Tesla sta proponendo la sua Power Wall a prezzi interessanti.

Conviene ancora?

assolutamente sì perchè spendiamo 6000 euro per un impianto da 3 Kwp che sostiene una famiglia intera e ci ritroviamo energia gratis ed essere autosufficienti, o quasi, per un tempo indefinito. Un sistema fotovoltaico funziona anche dopo 30 anni, vedi in proposito l’articolo sulla durata di un pannello, anche se le prestazioni degradano almeno del 25%.

In quanto tempo si rientra della spesa

Siamo ovviamente lontani dai rendimenti che si potevano ottenere con il conto energia, ma erano anche tempi in cui un impianto costava dai 5mila ai 10mila euro per kwp. Al giorno d’oggi i prezzi del fotovoltaico si sono abbassati. con 6mila euro riusciamo ad acquistare un impianto solare con moduli cinesi da 3 kwp.

In 8-9 anni riusciamo a recuperare l’investimento iniziale, e poi avremo energia elettrica per almeno altri 20 anni. Ricordiamo che la maggiorparte degli impianti gode di una garanzia 20ennale sull’80% di rendimento. Ovvero dopo 20 anni i moduli producono ancora energia ma all’ 80% della loro “potenza”.

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.