Archivio Categorie: fisco

Convenienza Fotovoltaico Vale la Pena Investire?

Come già precedentemente annunciato dal Gse gli incentivi del quinto Conto Energia sono terminati. I 6,7 miliardi messi a disposizione dal decreto ministeriale di luglio 2012 si sono esauriti ad agosto 2013. Sono stati anni di boom e di grandi investimenti in questo comparto delle energie rinnovabili. Spuntavano moduli solari su tetti, campi agricoli, serre. Ora le cose sono un po’ cambiate e gli incentivi per il 2017 esistono solo quelli legati alle detrazioni.

Coloro quindi che intendono installare un impianto fotovoltaico devono pensare di farlo solo per auto consumare l’energia prodotta anche se si può ancora guadagnare con il fotovoltaico. Purtroppo è molto difficile farlo perchè un modulo fotovoltaico produce corrente elettrica durante il giorno, quando c’è il sole, e la notte invece è inservibile. Per questo bisogna fare bene i calcoli per capire la reale convenienza di un’installazione.


agevolazionifiscosolareFortunatamente a sostituire parzialmente gli incentivi ci sono le detrazioni fiscali
. Fino al 31 dicembre 2016 ammontano al 50% della spesa sostenuta per acquistare ed installare un impianto solare fotovoltaico, a partire dal primo gennaio 2014 passeranno al 36%. Sono le stesse utilizzabili per le ristrutturazioni edilizie, si tratta della proroga voluta con il cosiddetto Decreto LETTA, d.l.63 del 4-6-13.

Aggiornamento: il Governo ha varato la cosiddetta LEGGE DI STABILITA’ (legge 147 del 27 dicembre 2013 pubblicata nel supplemento ordinario n.87 della Gazzetta Ufficiale) che fa slittare la scadenza delle detrazioni fino al 31 dicembre 2017, quindi c’è tutto l’anno di tempo.

Ho bisogno di realizzare una ristrutturazione edilizia per godere delle agevolazioni fiscali sul fotovoltaico?


No, lo stabilisce chiaramente la risoluzione 22e dell’ Agenzia delle Entrate del 2 aprile 2013 che ha chiarito come si possa usufruire delle detrazioni anche in assenza di ristrutturazioni. L’impianto però deve essere utilizzato per la produzione di energia elettrica per uso privato e non quindi per essere rivenduta. Un impianto inoltre non dovrà superare una potenza di 20 kw.

Si potrà quindi detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 50% della spesa sostenuta . Ad esempio un impianto costato 10mila euro porta in dotazione 5mila euro di detrazioni, quindi 500 euro l’anno per 10 anni.

In aggiunta alle detrazioni fiscali possiamo usufruire anche del cosiddetto “scambio sul posto“. L’energia in surplus prodotta durante il giorno e non utilizzata per autoconsumo viene reimmessa in rete. Il gestore elettrico la rivenderà al nostro posto e ci “scalerà” il profitto ottenuto sulla corrente elettrica che acquistiamo durante la notte, quando il nostro impianto è improduttivo.

Integrazione architettonica

il problema di molti edifici è che si trovano nei centri storici oppure non hanno lo spazio per montare un impianto che comunque ha bisogno di 7 mq a kilowatt. In questo caso ci sono ottime soluzioni come le tegole fotovoltaiche che si vanno a sostituire ai coppi. Otteniamo anche degli incentivi, ancor di piú se andiamo a sostituire dei tetti in amianto con i pannelli solari.

Ci sono pure altri modi per sfruttare il sole e produrre energia, ad esempio usare le vetrate fotovoltaiche che si montano verticalmente sulle facciate degli edifici al posto delle normali finestre. In questo caso il rendimento è piú basso perchè si usano pannelli a film sottile.

Impianto con sistema di accumulo

per staccarsi completamente dal gestore, ad esempio Enel, Hera, Acea dobbiamo installare un sistema fotovoltaico ad accumulo. L’energia prodotta dai pannelli durante il giorno viene stoccata nelle batterie ed è disponibile anche la sera e la notte quando i pannelli non funzionano per mancanza di sole. Al momento i prezzi delle batterie sono alte, ma ad esempio Tesla sta proponendo la sua Power Wall a prezzi interessanti.

Conviene ancora?

assolutamente sì perchè spendiamo 6000 euro per un impianto da 3 Kwp che sostiene una famiglia intera e ci ritroviamo energia gratis ed essere autosufficienti, o quasi, per un tempo indefinito. Un sistema fotovoltaico funziona anche dopo 30 anni, vedi in proposito l’articolo sulla durata di un pannello, anche se le prestazioni degradano almeno del 25%.

In quanto tempo si rientra della spesa

Siamo ovviamente lontani dai rendimenti che si potevano ottenere con il conto energia, ma erano anche tempi in cui un impianto costava dai 5mila ai 10mila euro per kwp. Al giorno d’oggi i prezzi del fotovoltaico si sono abbassati. con 6mila euro riusciamo ad acquistare un impianto solare con moduli cinesi da 3 kwp.

In 8-9 anni riusciamo a recuperare l’investimento iniziale, e poi avremo energia elettrica per almeno altri 20 anni. Ricordiamo che la maggiorparte degli impianti gode di una garanzia 20ennale sull’80% di rendimento. Ovvero dopo 20 anni i moduli producono ancora energia ma all’ 80% della loro “potenza”.

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Guadagnare con i Collettori Solari Termici e Pompe di Calore

Fino ad oggi abbiamo visto come si poteva guadagnare installando un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, oggi vogliamo concentrare la nostra attenzione sui pannelli solari termici (anche solar cooling per raffreddamento), collettori solari e pompe di calore a gas o elettriche, caldaie a biomassa, termocamini. Ovvero, guadagnare non producendo elettricità, ma in questo caso calore.

Si chiama Conto Termico il procedimento che ci consente di incassare soldi erogati dal Gse, diciamo che è il gemello del vecchio Conto Energia che è rimasto in vigore fino a luglio del 2013, dedicato però al fotovoltaico.

Innanzitutto vediamo quali sono le norme che regolano il CONTO_TERMICO (decreto ministeriale del 28 dicembre 2012). Ci sono a disposizione per i privati 700 milioni di euro l’anno, a febbraio 2015 il Gse ha comunicato che sono stati allacciati 8750 contratti per un totale di spesa di 15,7 milioni di euro, c’è quindi ancora ampio spazio per usufruire degli incentivi.

Quali tipi di impianti possono accedere al Conto Termico:

tabella_conto_termico
la tabella qui sopra è molto esplicativa. Non solo ci sono i classici collettori solari termici, in pratica i pannelli solari per la produzione di acqua calda, ma anche interventi di coibentazione, schermatura, isolamento di superfici opache, sostituzione di scalda acqua elettrici o a gas.

Ovviamente gli impianti realizzati devono rispettare dei “criteri di ammissibilità” per usufruire degli incentivi (ad esempio le pompe di calore devono avere un determinato COP) , sul decreto ministeriale c’è scritto tutto, ma non entriamo nei tecnicismi, gli installatori professionisti anno comunque come progettare un impianto che ricada nei termini imposti dal Ministero.

E’ anche difficile calcolare l’ammontare dell’ incentivo che viene erogato di anno in anno per un periodo compreso tra 2 e 5 anni secondo la tabella sopra esposta. Diciamo che i soldi pagati dal Gse dipendono da una serie di fattori che dipendono dall’efficienza dell’ impianto, dalla zona climatica, dalla grandezza dell’ impianto.

L’esempio più facile è quello relativo all’ installazione di collettori solari termici per la produzione di acqua calda. In questo caso l’ incentivo corrisposto dal GSE per 4 mq di collettore è di 680 euro erogate in due rate annuali.

Per la sostituzione di stufa a legna con una a pellet da 10 kW ci sono :

• 2 rate annuali da 524 euro – zona E (es. Torino)

• 2 rate annuali da 431 euro – zona D (es. Roma)

• 2 rate annuali da euro – zona C (es. Bari)

Per accedere agli incentivi del Conto Termico, sia privati, enti o condomini,  bisogna utilizzare questa modulistica del portale del Gse.

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Come Funziona il Quinto Conto Energia per gli Incentivi al Fotovoltaico

quinto conto energiaAvete mai sentito parlare di Quinto Conto Energia? Chi desidera installare un impianto fotovoltaico potrà beneficiare di questa brillante iniziativa che premia l’autoconsumo di energia elettrica nelle imprese e famiglie. Di cosa stiamo parlando? Della semplice pratica volta a produrre energia pulita per il consumo del proprio nucleo familiare o della propria azienda.

Quinto Conto Energia – Come funziona

Un meccanismo piuttosto semplice da comprendere, ma dal calcolo complicato. Lo stato italiano, attraverso il Gse (Gestore dei Servizi Energetici) premia i produttori di energia elettrica da fotovoltaico con incentivi di durata ventennale.

Tutta l’energia prodotta e non consumata, viene “elargita” ad altri sotto compenso (tariffa omnicomprensiva). L’energia autoprodotta per il proprio consumo (premio energia consumata in sito), invece, consentirà di risparmiare sulla bolletta e di ricevere un ulteriore incentivo.

Vantaggi

Due benefici non di poco conto, visto che da una parte sarà possibile crearsi una sorta di rendita grazie allo Stato, che verserà un compenso per l’energia prodotta in surplus, mentre dall’altra si avrà la possibilità di risparmiare sui propri consumi energetici.

Quinto Conto Energia – Come iscriversi

Per beneficiare degli incentivi, bisognerà eseguire una prenotazione, iscrivendosi mediante un apposito registro. L’Aeeg provvede all’apertura di un nuovo registro ogni 6 mesi.

La pre -iscrizione non è necessaria per:

  1. Impianti a concentrazione;
  2. Impianti realizzati da pubbliche amministrazioni;
  3. Impianti integrativi innovativi;
  4. Impianti con potenza fino a 12 KW;
  5. Impianti fino a 20 KW che accolgano la riduzione degli incentivi del 20%;
  6. Impianti sui tetti fino a 50 KW (a patto che quest’ultimi siano stati realizzati per sostituire i tetti in amianto).

Quinto Conto Energia – Criteri prioritari di assegnazione

Nella graduatoria stilata per l’assegnazione degli incentivi, potranno beneficiare della precedenza i seguenti:

  • Impianti su edifici di classe energetica D o maggiore realizzati per sostituire coperture in amianto;
  • Impianti su edifici di classe energetica D o maggiore;
  • Impianti su edifici volti a sostituire coperture di amianto;
  • Impianti che vanno ad utilizzare meramente componenti UE/SEE;
  • Impianti installati in siti contaminati;
  • Impianti installati su terreni soggetti a demanio militare;
  • Impianti realizzati in cave, miniere o discariche non più in funzione;
  • Impianti sino a 200 KW realizzati per assolvere ad attività produttive;
  • Impianti su serre, edifici, tettorie, pensiline &co.

Le tariffe incentivanti. La nota dolente è che ci sono rimasti pochi spiccioli in cassa. Il decreto che disciplina il conto energia (d.m.5-7-2012) smette di esistere al raggiungimento di 6,7 miliardi di euro erogati. Ad inizio 2013 siamo arrivati a 6,5 miliardi. Bisogna quindi fare in fretta prima che i fondi terminino in attesa del sesto conto energia.

Per impianti con potenza compresa tra 1 e 3 kwp si ha diritto a: 182 euro per Mwh prodotto relativi alla tariffa omnicomprensiva e 100 euro come premio energia consumata in sito.

Per impianti con potenza compresa tra 3 e 20 kwp si ha diritto a: 171 euro per Mwh prodotto relativi alla tariffa omnicomprensiva e 89 euro come premio energia consumata in sito.

Ulteriori premi sono previsti per pannelli integrati in maniera architettonica, per moduli che hanno almeno il 60% dei componenti prodotti in Europa e per impianti che vanno a sostituire tetti in eternit o amianto.

Regolamento Quinto Conto Energia completo a questo link: incentivi quinto conto energia.

 

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone